giovedì 14 agosto 2014

Rewatch: Across The Universe - Julie Taymor

Rewatch è la nuova rubrica di My IndiePop Taste con la quale cerco di farvi conoscere film che ho già visto mille volte ma che, nonostante questo, non smettono di piacermi.
Oggi vi parlo di Across The Universe un film/musical del 2007 ispirato alle più belle canzoni dei Beatles.


Siamo negli anni 60 ed il giovane Jude decide di partire per gli USA alla ricerca del padre. Durante il suo viaggio conoscerà Max, che in seguito verrà arruolato per la guerra in Vietnam, e la sorella Lucy, giovane pacifista impegnata nei movimenti contro la guerra. Il tutto descritto in modo colorato, appariscente, esagerato...proprio come i colori dei dischi dei Beatles.

Il film ha come punti di forza sicuramente un cast incredibile, Jim Sturgess (Jude) è praticamente la copia del giovane Paul McCartney, Evan Rachel Wood (Lucy) ha una voce incredibile e la partecipazione, seppur in piccolo ruolo, di Bono degli U2 rendono questo film imperdibile per gli amanti dei Beatles. Vincente è stata anche la scelta di non mettere le canzoni buttate lì casualmente ma di adattarle perfettamente alla scena che accompagnano, evitando parti totalmente cantate che si rivelano lunghe e talvolta imbarazzanti di grandi musical come I Miserabili o Grease. Il film infatti scorre veloce, in modo piacevole e coinvolgente.


Inoltre la pellicola è continuamente bombardato da riferimenti alla cultura e alla società del tempo: ad esempio uno dei protagonisti, Jojo, è chiaramente ispirato a Jimi Hendrix, i nomi dei personaggi principali derivano tutti dai testi delle canzoni dei Beatles e Jude, il protagonista è di Liverpool...


Una delle scene mie scene preferite (accompagnata da una delle canzoni che più amo dei Beatles) è quella dove Jude, ripensando all'amico Max in Vietnam, sfoga la sua frustrazione cantando Strawberry Fields Forever


Il film segue anche l'evoluzione della musica dei Beatles, con un inizio più leggero con pezzi come Girl, It Won't Be Long, All My Loving...mentre nella seconda parte del film l'atmosfera cambia e si passa a pezzi nei quali i testi dei Beatles risultano più maturi, più profondi come Something, All You Need Is Love, Hey Jude, A Day In The Life...
Insomma un film che se anche può risultare eccessivo con i suoi effetti speciali, colori psichedelici e mille canzoni, ha il pregio di raccontare in maniera "leggera" un periodo storico pieno di contraddizioni: amore libero e i movimenti pacifisti da una parte e la sanguinosa guerra in Vietnam e l'omicidio di personaggi come Martin Luther King dall'altra.

Astenersi quindi i non amanti dei mitici Fab Four...anche se una domanda sorge spontanea: ma come si fa a non amare i Beatles?!?



Voto: 7
Frase Cult: "È quello che fai che determina quello che sei?"
                    "No, è quello che sei che determina quello che fai, ho ragione Jude?"
                    "L'importante non è quello che si fa, ma come lo si fa!"

1 commento:

  1. Nonostante non sia un fan sfegatato, il film non mi è dispiaciuto...

    RispondiElimina